Stefano Severini

Stefano Severini, di nazionalità italiana e residente in Svizzera, è altrettanto attivo come pianista e direttore d’orchestra. Nel 2016 - 2017 è apparso come pianista con una serie di recital in Russia, su invito del Kostomuksha Festival, Glinka National Museum Consortium of Musical Culture of Moscow, Chelyabinsk State Philharmonic, Samara State Philharmonic, Makhachkala State Philharmonic, e come direttore d'orchestra con la Astrakhan Chamber Orchestra Philharmonic, in Czech Republic al Marienbad Municipal Casino con la West Bohemian Symphony Orchestra, la Hermitage Chamber Orchestra St.Petersburg, così come nei concerti finali di masterclass di direzione d’orchestra con la Berlin Sinonietta, Moravian Philharmonic Orchestra di Olomouc, St.Petersburg Symphony Orchestra, Orchestra Regionale Filarmonia Veneta.
Come pianista solista ha ricevuto il primo premio al UK Liszt Society's International Piano Competition in 2013 (con voto unanime della giuria presieduta da Leslie Howard) ricevendo nel 2014 l’invito della Liszt Society per un recital al Goldsmiths University of London.
Dal 1994 è stato premiato come vincitore o finalista in più di trenta concorsi internazionali, fra i quali Stresa (1994), G.B. Pergolesi di Napoli (1998), C.Vidusso di Milano (1998), Università Cattolica di Roma (2000) Gorizia (2001) concorso pianistico F.Rossomandi di Foggia, primo premio dell'Associazione dei Membri de l'Ordine delle Palme Accademiche Suisse a Lugano (2009).
Dopo aver completato gli studi di pianoforte al Conservatorio G. Rossini di Pesaro nel 1998, continua privatamente la sua formazione pianistica con riferimento alla scuola prevalentemente italiana con i maestri Sergio Fiorentino, Franco Scala e Sergio Perticaroli.
Ha ricevuto borse di studio dalla Fondazione Rossini di Pesaro, la Summer Academy del Mozarteum di Salisburgo, l'Accademia Musicale Chigiana di Siena ed il Conservatorio della Svizzera Italiana per frequentare masterclasses di perfezionamento con Joaquin Achucarro, Leslie Howard, Jürg Wittenbach e Vladimir Ashkenazy, e lezioni di musica da camera al Conservatorio della Svizzera Italiana con Bruno Giuranna, Massimo Quarta, Johannes Goritzki, Robert Cohen, Antonio Meneses.
Grazie al suo ampio e versatile repertorio, dal 1994 Stefano Severini ha attirato l'attenzione di molte istituzioni culturali, tenendo concerti per pianoforte e musica da camera, pregiandosi dell'invito della Fondazione Rossini di Pesaro, il Festival Terra dei Teatri di Macerata, il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno, l'Orchestra Sinfonica di Pesaro, l'Istituto Italiano di Cultura di Bucarest, l'Istituto Italiano di Cultura di Zurigo, l'Auditorium della Radio Svizzera Italiana, così anche partecipando a progetti di collaborazione con la Fondazione Internazionale Premio Valentino Bucchi di Roma, la Philarmonie Opernhaus Zürich, Conservatorio della Svizzera Italiana, Orchestra della Radio Svizzera Italiana, Centro di canto e dell'Arte di presentarsi di Lugano, il Nuovo Coro Lirico Sinfonico di Roma, il Coro Polifonico del Teatro Lirico V.Basso di Ascoli Piceno. Ha al suo attivo registrazioni per la Radio Svizzera Italiana, la Radio Vaticana e le case discografiche Tau Records e Tactus. Stefano Severini vive a Zurigo dove è anche iniziatore dal 2013 del festival pianistico Piano-Attivo.
  www.stefanoseverini.net